Edizione 2018

La Seconda Edizione del Festival Internazionale di Cinema e Diritti Umani di Cremona si svolgerà nei giorni 5, 6 e 7 Ottobre 2018  presso il Teatro Monteverdi in via Dante 149, Cremona. Saranno tre giornate di proiezioni, dibattiti e incontri intorno al cinema e ai Diritti Umani.

 

Sezioni:

Territorio e migrazioni

Di fronte all’eccessiva appropriazione di risorse da parte di gruppi di potere concentrato e alle disuguaglianze che questo causa, molte persone sono costrette a lasciare il loro territorio per diventare migranti, perdendo i loro diritti come cittadini. Da un’altra parte, i migranti, con il loro abitare e il loro significare, stanno cominciando a decostruire i luoghi comuni e a collegare mondi lontani. Riuscirà questo nuovo incrocio a essere l’inizio di un’umanità più umana?

 

Uguaglianza di genere

In Africa esiste un concetto noto come Ubuntu: il senso profondo dell’essere umano solo attraverso l’umanità degli altri. Siamo convinti che per risvegliare questo concetto sia necessaria l’uguaglianza e la complementarietà fra tutti gli esseri umani. Perciò questa sezione sarà dedicata alle opere cinematografiche che sensibilizzano sulla diversità di genere, che questionano o che denunciano la disuguaglianza. Infine, opere che contribuiscono alla creazione di un nuovo immaginario, a un modello di rinnovamento più egualitario dalla prospettiva di genere.

 

Diritti nell’era digitale

Gli sviluppi tecnologici ci mettono in una nuova dimensione di Esistenza Virtuale, in cui poche aziende private giocano un ruolo predominante. Allo stesso tempo, l’Intelligenza Artificiale sta cambiando, e cambierà ancora molto di più, la realtà sociale. Se questa tecnologia si mette al servizio dell’umanità, potrà essere enormemente beneficiosa, in caso contrario, aprirà ancor di più la “forbice sociale” tra ricchi e poveri.

Programma giorno per giorno:

Apertura – Venerdì 5

Sabato 6

Domenica 7

 

Scarica il programma:

FICDU Programma 2018

 

Concorso e regolamento

Oltre alla selezione dei film documentari, i cortometraggi in concorso saranno proiettati le sere previste per ogni sezione tematica del Festival.  “Cremona, città della musica e della liuteria” assegnerà tra i cortometraggi selezionati il Premio alla migliore colonna sonora, consistente in un’opera scultoria realizzata da un maestro liutaio.